Cosa sono le cellule staminali?

Il corpo umano è composto da molti tipi di cellule che si uniscono per svolgere varie funzioni. Per fare un paragone è qualcosa di simile a quello che succede in una città. Affinché la città funzioni, gruppi di persone svolgono funzioni diverse. Il poliziotto mantiene l’ordine, gli addetti alle pulizie mantengono pulite le strade, gli ingegneri idraulici si assicurano che ogni famiglia abbia acqua e gli operatori sanitari si prendono cura dei malati. I diversi gruppi di cellule del corpo svolgono le loro funzioni in modo simile. I reni filtrano e puliscono il sangue, i muscoli muovono il corpo, lo scheletro ha una funzione di supporto e lavora in sinergia con i muscoli per permettere il movimento. Esattamente come una persona può essere formata per eseguire una specifica professione, così le cellule staminali sono un gruppo di cellule che possono potenzialmente diventare una qualsiasi cellula specializzata del corpo: muscoli, pelle, ossa, cartilagine e sangue.

Come funzionano le cellule staminali?

Le cellule staminali funzionano in vari modi. In laboratorio, usando tecniche molto complesse, le cellule staminali possono diventare le cellule di diversi tipi di tessuti anche ossei o cartilaginei. Esse sono posizionate su impalcature e poi inserite all’interno delle parti malate per rigenerarle. Questa tecnica viene eseguita da circa 20 anni e gli scienziati hanno riscontrato diversi gradi di successo nella cura di varie malattie tra cui l’artrite. I risultati degli studi di questi trattamenti variano notevolmente.

Recentemente gli scienziati hanno capito che le cellule staminali non si trasformano necessariamente in altri tipi di cellule del corpo, ma agiscono piuttosto come delle guide nella conduzione del processo rigenerativo all’interno dei tessuti lesi. Le cellule staminali funzionano secernendo una varietà di sostanze chimiche che agiscono nei tessuti danneggiati. Queste sostanze chimiche aiutano a ripulire i tessuti danneggiati e lavorano per reclutare le parti non danneggiate del tessuto stesso iniziando a crescere e a sostituire ciò che è stato perso.

Cosa sono le Cellule Staminali Mesenchimali?

Cosa sono le Cellule Staminali Mesenchimali?

Sono un sottogruppo di cellule staminali che sono in grado di produrre solo tessuti di un certo tipo come ossa, cartilagini, muscoli e grassi.

Ecco alcuni termini usati in relazione alle cellule staminali e al loro significato:

· Auto-rinnovamento: è la capacità di una cellula staminale di dividersi e produrre copie di se stessa per un periodo di tempo indefinito.

· Totipotente: è una cellula in grado di formare un intero organismo. Quando un uovo viene fecondato, si chiama zigote. Questa specialissima cellula è totipotente. Nessun’altra cellula ha questa capacità. Tutte le altre cellule staminali possono solo formare organi ma non l’intero animale.

· Pluripotente: è una cellula in grado di formare ogni tipo di organo e tessuto del corpo. Un esempio di questa cellula sono le cellule staminali embrionali.

· Multipotente: è una cellula in grado di formare alcuni ma non tutti gli organi del corpo. Ad esempio, le cellule staminali emopoietiche (sangue) che si trovano nel midollo osseo sono in grado di formare solo le cellule che compongono il sangue. Le Cellule Staminali Mesenchimali (MSC) possono contenere cellule del mesenchima che comprendono cartilagine, ossa, muscoli e grasso.

· Differenziazione: è il processo mediante il quale le cellule staminali si specializzano in organi specifici per svolgere compiti particolari. Un esempio è quando una cellula mesenchimale forma le cellule di cartilagine che continuano a produrre cartilagine come accade nelle articolazioni sane.

Cosa sono i preconcetti?

Ci sono molte idee sbagliate circa l’uso delle cellule staminali. Uno di questi è che si distruggano embrioni e feti per fornire i trattamenti con le cellule staminali. Non è così. L’uso di cellule staminali embrionali è illegale sia nel Regno Unito che in Europa.

Le cellule staminali utilizzate per i trattamenti sono cellule staminali adulte raccolte dallo stesso individuo in cura.

C’è anche un’altra idea sbagliata e cioè che le cellule staminali possano curare tutto. Non è così poiché in qualsiasi trattamento si possono riscontrare degli insuccessi. Nella maggior parte dei trattamenti ortopedici, tra il 5% e il 30% delle persone che si sottopongono a procedura chirurgica finiscono per non avere tutti i benefici attesi. Lo stesso accade con altri trattamenti non chirurgici quali fisioterapia, terapia manuale, iniezioni di vari composti tra cui steroidi e, naturalmente, i trattamenti con cellule staminali.